Sulla bellezza

In una giornata qualunque ho iniziato a pensare al concetto di bellezza e a come lo vivo oggi, in maniera in effetti completamente diversa rispetto a molti anni fa.

 

Si impara con il tempo ad accettare i propri difetti, a viversi più serenamente e ad amare il fatto che non si può piacere a tutti.

 

Ecco forse la differenza sta proprio qui. Fino a una certa età l’insicurezza ti porta a voler piacere al mondo intero. Poi un giorno ti svegli e ti rendi conto che ormai da tempo sai che non si può piacere a tutti e ti va benissimo così. Se tornassi indietro non rifarei quasi nulla di quello che ho fatto, proverei a farlo diversamente, probabilmente sbagliando semplicemente in un altro modo.

 

La saggezza che ho acquisito in questi anni e che spero di acquisire ogni giorno in futuro, mi porta a sorridere pensando al passato ma a non volerlo rivivere, indietro non si torna e la sorpresa del domani è qualcosa che rende la vita così frizzante che non ha senso continuare a voltarsi.

 

Poi ci sono i pensieri con cui amiamo talvolta cullarci, ma quello non lo vedo come un ritorno al passato ma più come una festa anni 90 alla quale ogni tanto ci va di partecipare!