5 COSE PER SEMPLIFICARE LA TUA (CURVY) VITA

Nella mia ingenuità, pensavo esistessero solo i fashion blog delle smilze famosine (trovate qui un post precedente in cui ne parlavo). Poi ho scoperto altri mondi e vi suggerisco di guardare qualcosa che anche a me è piaciuto. Ecco tre indirizzi utili (ce ne sono di certo molti altri):

 

Alexandra di www.sheisred.com propone bellissimi, eleganti e sobri curvy outfit da cui trarre ispirazione.


La rubrica "Hot or Not?" di Greta la trovate sul sito www.inmodaveritas.com pare generi molti dissidi, beh per me basterebbero gli Hot, sarà che sono pacifica per natura (lunedì mattina a parte!), ma uso la sua selezione come spunto per idee su come abbinare meglio quel che possiedo, in particolare l’ultima uscita proponeva la selezione curvy edition quindi vi offro il link diretto www.inmodaveritas.com/2013/04/hot-or-not-64-curvy-edition.html


E concludo cercando di dare un senso al titolo. Giorgia, sul suo www.morbidalavita.com invita, chiunque voglia partecipare, a scrivere/proporre un video (lei da un paio di mesi si cimenta nella videorubrica Curvyweek) o semplicemente una mail, indicando a scelta (o anche in toto) 5 cose che complicano e/o semplificano la tua vita curvy, ed ecco il motivo di questo post!

 

5 COSE PER SEMPLIFICARE LA TUA CURVY VITA


  1. A prescindere dalla forma che hai devi capire se ti ami. E purtroppo questi conti bisogna farli prima di tutto. Ci sono giorni in cui non ci piacciamo (come chiunque), ma se non ci piacciamo ogni giorno c’è qualcosa che non va. Scavare a fondo capire e districare le matasse, correggere quello che si può e accettare quello che non si può. Percorso lungo ma che vi cambierà la vita.
  2. Per ogni tipo di fisico c’è qualcosa di decisamente vietato. Il mio consiglio è di sfogliare giornali, di guardare foto e blog, di studiare quello che vi sta meglio addosso e di giocare su quelle proporzioni, anche per questo ci vuole tempo perché siamo attratti da tanti abiti modaioli, giocate più sui colori di tendenza che non sui modelli.
  3. Le taglie. Se non trovate la vostra cercatela altrove. Se un’azienda non vende il prodotto che fa per voi ce ne saranno mille altre che lo faranno, senza fare tanta strada vi propongo lo shopping UK, lowcost e decisamente aperto a una varietà infinita di soluzioni. Potete recarvi in loco con un volo lowcost o acquistare online, anche cercando i marchi (da Dorothy Perkins a Evans da Next a M&S solo per citarne alcuni) su Ebay.
  4. Al mare. In costume c’è chi sta meglio e chi sta peggio, tanto fa la persona e un po’ fa anche il costume. Maggio è alle porte, avete circa 3 mesi per perdere peso (se desiderate farlo), per passare in rassegna ogni modello di costume in commercio e per pensare di trascorrere le vacanze altrove. Ecco una volta vagliate le possibilità fate la vostra scelta ma poi basta tornarci su.
  5. L’altra metà della mela. Non abbiamo tutti le stesse possibilità di suscitare lo stesso interesse nel medesimo luogo. Immaginate una gara sportiva in cui sono previste un certo numero di prove. Se una delle prove fosse “discoteca” quel test verrebbe superato con facilità da una ragazza i cui canoni di bellezza fossero standard ma anche da una particolarmente simpatica che riesce a trascinare un gruppo di amici e da un’altra vestita in modo da attirare gli sguardi. Le bellezze meno immediate e le timide in questo caso non giocano ad armi pari. Ma in questo esame dove le prove sono diverse chi vince una prova può vincere o perdere la successiva così come chi perde la prima può vincere o perdere tutte le altre. Quindi scegliete lo sport in cui riuscite meglio e di certo in quell’ambito sarà più facile trovare qualcuno di interessante.

 

Non credo ci sia nessuno con sacchi pieni di soluzioni a tutti i problemi della vita, ma forse è il modo in cui si affronta la vita che rende le soluzioni più accessibili e i problemi meno ostici.

 

Cristina Felice