Ricettine invernali

La stagione fredda ha casualmente portato a me due ricette che vorrei riproporvi perché deliziose:
Gratin dauphinois (o forse è meglio dire Cristinois!)
Su Internet troverete la storia di questo piatto della tradizione francese che ovviamente io ho riadattato ai tempi e agli ingredienti a mia disposizione.
Ricetta per 4 persone
2 patate medie, besciamella, gorgonzola piccante, sale, noce moscata
Prendete le patate, sbucciatele e tagliatele a fette sottili, fatele sbollentare in poca acqua salata. Scolatele a 2/3 della cottura e in delle tegliette monoporzione da forno mettete sotto della besciamella (o della panna se le volete più leggere), uno strato di patate, besciamella, formaggio, noce moscata, patate besciamella noce moscata e ancora dei pezzetti di formaggio. Fate cuocere in forno con le formine coperte da pellicola argentata infine toglietela e fate dorare la superficie, portate in tavola. Questa ricetta oltre ad essere veloce ed economica si presta a svuotare il frigo dagli avanzi di formaggio e ai fondi delle confezioni di panna o besciamella. In me ovviamente ha generato una nuova necessità: voglio quei robini fatti a microteglie di ceramica bianca, ma quanto sono belli? Ci sono anche le minicasseruole con il coperchio…
Palline ripiene
Questa ricetta è davvero semplice quindi potete dilettarvi tutti, il risultato è davvero meraviglioso, quindi se tra un po’ sparisco e che so, mi trasferisco a Stars Hollow, apro un chioschetto di queste palline golosissime, prezzo congruo 80 cents l’una, 3 x 2 Euri, chi mi ruba l’idea imprenditoriale mi deve pagare le royalties!!!
Ricetta per circa 20 palline (5 a testa x 4 persone)
Acquistate una pallina di pasta da pane/pizza da circa 3ht e ½ (io l’ho presa al banco panetteria della coop ma se preferite potete farla voi) quando è un po’ cresciuta (diciamo il doppio di quando l’avete prelevata al supermercato) aprite la busta e rovesciate il composto. Prendete o uno di quei tomini che si fanno alla piastra (c’è chi le chiama prataiole, la Osella le chiama Scottarelle, ma quelle che io prediligo sono di capra, sulla confezione c’è una capretta con sfondo marrone) e dividetelo in circa 20 quadratini, formate le palline e adagiatele su un piatto. Quando sarete pronti per mettervi a tavola fate scaldare in una padellina piccola e alta un po’ d’olio e friggete le palline che dovranno essere appena dorate, salate e servite.